Inizio menù contenuti sito
Fine menù contenuti sito
Ti trovi qui:  home  freccia Sala stampa freccia Comunicati Stampa

Dichiarazione del Sindaco Vincenzo De Luca    freccia

27/06/2011 - Emergenza rifiuti: Appello alla Lega per tutelare la salute dei cittadini campani.
Intollerabile ed irresponsabile il vittimismo del Presidente della Regione Campania

Dichiarazione del Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca

Emergenza rifiuti: Appello alla Lega per tutelare la salute dei cittadini e, soprattutto, dei bambini di Napoli.

Intollerabile ed irresponsabile il vittimismo del Presidente della Regione Campania Caldoro che continua a fare la parte del turista svedese. I nemici di Napoli sono a Napoli.

1. “Nelle attuali condizioni il decreto, che potrebbe sbloccare l’emergenza-rifiuti a Napoli ed in Campania, va immediatamente approvato, Rivolgo un vero e proprio appello alla Lega, al suo senso di responsabilità istituzionale: tuteliamo la salute dei cittadini e, soprattutto, dei bambini di Napoli e della Campania. Non è più tollerabile assistere inerti al degenerare di una tragedia annunciata”.

2. “La posizione del presidente della Regione Campania Caldoro è intollerabile ed ingiustificabile. Per i poteri che la legge gli attribuisce egli è il principale responsabile della situazione che si è venuta a determinare a Napoli ed in Campania. La Regione non ha approvato i criteri-guida per l’individuazione da parte delle Province dei siti da destinare a discarica. Né ha nominato commissari straordinari per individuare nuove discariche. E’ chiaro, quindi, che la responsabilità per le discariche non aperte è restata in capo all’organo titolare della nomina, cioè in capo a Caldoro”.

3. “Basta con il pulcinellismo della classe dirigente di Napoli e della Campania: con quale coraggio, dopo il disastro compiuto, si chiede aiuto alle altre Regioni? Occorre recuperare il principio di responsabilità, altrimenti le reazioni alle quali assistiamo sono pienamente giustificate. A fronte della dichiarazione dello stato di emergenza – che è un provvedimento da varare ad horas – deve essere prevista la decadenza per i responsabili istituzionali inadempienti: il presidente della Regione, i presidenti delle Province ed i sindaci che non attivano la raccolta differenziata. Solo in questo modo si può provare a ritrovare un minimo di credibilità agli occhi dell’Italia e del mondo intero. Qualunque altra decisione presa oggi in maniera compassionevole si trasformerà in una minaccia penalizzante per i Comuni virtuosi, che stanno subendo un danno di immagine, dopo avere visto sottrarsi drammaticamente risorse fondamentali per la raccolta differenziata”.

4. “Chiedo alla Lega coerenza totale
. C’è l’assessore regionale all’Ambiente della Campania fra i principali responsabili del disastro, che continua ad essere “assessore dell’illegalità”: continua a permanere in condizioni di incompatibilità (assessore e sindaco). Visto che il presidente “svedese” non se ne è accorto, quando si decide la decadenza dell’assessore? Quando si ripristina la legalità?”

5. “Smettiamola con l’alibi della camorra (che c’è e fa affari). Ma dietro questo disastro c’è solo la cialtroneria di una classe dirigente che sta portando la gente alla disperazione”.

Salerno, 27 giugno 2011