Inizio menù contenuti sito
Fine menù contenuti sito
Ti trovi qui:  home  freccia Sala stampa freccia Comunicati Stampa

Marina d'Arechi: Cerimonia dell’Alzabandiera con il sindaco Vincenzo De Luca e il presidente Agostino Gallozzi    freccia

27/09/2011 - Martedì 27 settembre 2011, h 10,00

Il Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca ed il Presidente di Marina d’Arechi S.p.a. Agostino Gallozzi hanno presieduto martedì 27 settembre alle ore 10.00 alla cerimonia dell’alzabandiera che ha coronato, solennemente, la conclusione della diga foranea del Marina d’Arechi Village. La cerimonia ha avuto luogo all’interno del cantiere sito sulla costa sud di Salerno all’altezza dello stadio comunale Arechi.

Marina d’Arechi Port Village, firmato da Santiago Calatrava, è uno dei punti qualificanti del programma di trasformazione urbanistica in corso a Salerno. Un vero e proprio capolavoro d’architettura contemporanea, un concept originale nel quale il porto turistico è il tassello di una più vasta accoglienza con alberghi, negozi, ristoranti, servizi per il benessere, locali per il tempo libero.

Nel corso della cerimonia il Sindaco De Luca ed il Presidente Gallozzi hanno illustrato i lavori svolti, i tempi di completamente dell’opera e la sua importanza economica, imprenditoriale ed occupazionale, turistica ed ambientale.

"Stamattina a Salerno - ha dichiarato il Sindaco De Luca - si coglie un altro segno di speranza per il Mezzogiorno e per l’Italia.
Stiamo realizzando il più bel porto turistico del Mediterraneo - se non il più grande – con una tempistica che non ha paragoni in Europa. Quando qualche mese fa dissi che stavamo camminando nella storia non era un’enfatizzazione, ma solo il preavviso di quello che oggi in tante parti della nostra città si tocca con mano. Salerno rappresenta un “unicum” in Italia ed in Europa sotto il profilo delle iniziative attivate nell’ambito di uno straordinario programma di trasformazione urbanistica.
L’Amministrazione Comunale - ha concluso De Luca - riesce a proseguire nel suo piano di interventi con questi ritmi perché è in condizione di realizzare un “disegno consapevole”, ha in mente un’idea precisa di città sempre più bella ed europea".



MediagalleryMediagallery