Inizio menù contenuti sito
Fine menù contenuti sito
Ti trovi qui:  home  freccia Sala stampa freccia Comunicati Stampa

Casa del Contemporaneo, la nuova stagione ricomincia da tre    freccia

15/01/2016 - On line la programmazione 2016

La Casa del Contemporaneo, Centro di Produzione Teatrale riconosciuto dal Ministero, presenta il programma gennaio/maggio 2016. E ricomincia da tre. La Fondazione Salerno Contemporanea, Le Nuvole e la Compagnia Enzo Moscato lavorano su un disegno unico, un teatro per tutti che si muove sui linguaggi della contemporaneità basato su tre segmenti: Produzione, Formazione e Informazione.
Il progetto su cui la Casa del Contemporaneo ha deciso di lavorare quest’anno pone al centro l'esaltazione dei talenti (scrittura drammaturgica, regia e attori) e la cura e la formazione del pubblico, con la collaborazione attiva per un progetto di “didattica della visione” con la “casa dello spettatore” di Roma che culminerà nel maggio 2016.
Il nuovo programma tenderà sempre più a unificare l’esperienza teatrale nei confronti di un pubblico che partecipi e diventi “comunità” viva in un rapporto di incontro e “ascolto” reciproco.
Casa del contemporaneo accoglie e custodisce talenti; offre sostegno e possibilità di espressione; collabora con enti universitari, istituzioni locali e sovrintendenze e vuole soprattutto essere per gli adulti e i più giovani un “luogo possibile” di confronto e scambio tra le diverse generazioni di pubblico.
Il secondo anno di attività della Casa del contemporaneo inizia a gennaio 2016 e si snoda su quattro spazi teatrali tra Salerno e Napoli (Teatro Diana e teatro “Antonio Ghirelli” a Salerno, teatro “Galilei 104 – città della Scienza” e teatro dei Piccoli alla Mostra d’Oltremare di Napoli).
I “sentieri da percorrere” corrispondono alle sue anime, uniti dal minimo comun denominatore della drammaturgia contemporanea:
* il SEGMENTO YOUNG (seguendo la strada già costruita da Le Nuvole), incentivando la formazione del pubblico, in stretta relazione con il territorio e le scuole primarie e secondarie;
* IL SEGMENTO SCRITTURA DRAMMATURGICA E MESSA IN SCENA CONTEMPORANEA, attraverso progetti di produzione, ospitalità e laboratori che ne permettano la conoscenza e la diffusione;

* LA PRODUZIONE E DIFFUSIONE DELLE CREAZIONI DEGLI ARTISTI DI RIFERIMENTO DELLA CASA Enzo Moscato, Pierpaolo Sepe, Rosario Sparno, Fabio Cocifoglia e diversi altri artisti con cui la Casa entra in relazione.

Le attività di produzione
A partire dalla promozione e circuitazione del lavoro di messa in scena di Pierpaolo Sepe, “Crave” di Sarah Kane, produzione 2015 della Casa del Contemporaneo che ha ottenuto notevoli consensi con quattro attori emergenti, selezionati dopo un denso lavoro di laboratorio sulle creazioni e il linguaggio dell’autrice, che sarà presente nelle programmazioni del 2016 di teatri nazionali e Tric (Roma, Milano, Ravenna, Prato ed altri). Altra produzione è Play Duett di e con Lino Musella e Tonino Taiuti che unisce in un lavoro di puro talento attoriale, in un gioco di sapienza scenica che è anche un confronto di stili e generazioni. Grande attenzione al lavoro di Enzo Moscato in continuità con le ultime creazioni sceniche, Grand’ Estate ultima fatica che debutterà al Teatro Nuovo di Napoli il prossimo aprile e la ripresa di Toledo suite prevista al Teatro Diana di Salerno per la metà del 2016. Inoltre ci sarà la ripresa de La grande magia e Mondo rotondo firmate da Rosario Sparno e dello spettacolo in lingua inglese Elementare Watson regia Enzo Musicò, dedicate al pubblico dei più giovani.

Attività di laboratorio e azioni formative
Nel 2016, in programmazione, laboratori annuali a cura di Enzo Moscato e Pierpaolo Sepe, e seminari a cura di Mimmo Borrelli e Davide Iodice tra gli altri. E, inoltre, uno speciale laboratorio intitolato “Didattica della visione” curato da Giorgio Testa rivolto a docenti ed educatori.

Le ospitalità del 2016

Numerose compagnie di teatro saranno nel programma 2016, ai Teatri “Diana” e “Ghirelli” a Salerno e al “Galilei 104” e al “Teatro dei Piccoli” a Napoli. La programmazione rivolta ai più giovani prevede il coinvolgimento di compagnie nazionali ed internazionali come il Teatro delle Apparizioni di Roma, il Teatro Pirata di Jesi, il giallo Mare Minimal Teatro di Empoli e il Play Group dalla Gran Bretagna.

La programmazione qui presentata si articola tra Diana, Ghirelli e Galilei 104 ospitando Stefano Massini con il suo adattamento dai Quaderni di Serafino Gubbio operatore di Pirandello (il 2016 sarà l'ottantesimo anniversario della morte di Pirandello). E ancora tra le compagnie ospiti Teatri Uniti, Teatro Garibaldi di Palermo, Arcazzurra di Firenze, il Teatro Metastasio di Prato, Scimone e Sfarmeli di

Messina e Golden Show di Trieste. Gli autori messi in scena Maurizio De Giovanni con il Commissario Ricciardi; Ballata di Licia Maglietta; Birre e rivelazioni di Tony Laudadio e la lettura scenica di Porno Teo Kolossal di Pasolini con Anna Bonaiuto, a cura di Francesco Saponaro. Un importante omaggio a Franco Scaldati, autore siciliano da poco scomparso, con la messa in scena di La terra una unica finestra abbinata al film di Maresco ”Gli uomini di questa città io non li conosco”, presentato all’ultima Biennale di Venezia.
Il teatro Galilei 104 apre la programmazione serale nel segno di Luca Ronconi, a un anno dalla sua scomparsa, con la presentazione del film\documentario La scuola d'Estate di Jacopo Quadri premiato con il Nastro d’Argento “Doc” speciale. Mentre Paolo Magelli presenterà il suo nuovo lavoro da Koltés. A maggio - tra Salerno e Napoli - sarà in scena la compagnia Scimone Sframeli con due lavori dal loro repertorio. E infine una rassegna dedicata ai giovani emergenti, “Rigenerazione”.

Didattica della visione (gennaio \ maggio 2016)
Nel mese di maggio 2016, al Teatro dei Piccoli della Mostra d'Oltremare, sono previsti una serie di incontri tematici, a cura di Giorgio Testa - psicologo dell’età evolutiva - che, attualmente promuove a Roma il lavoro della “Casa dello spettatore”, struttura nata per realizzare percorsi di formazione del pubblico di tutte le età che offre al pubblico gli strumenti per una “fruizione consapevole e partecipe”.

Gli incontri sono materia di confronto costante tra chi “fa” il teatro e chi, da spettatore, lo “riceve”. Giorgio Testa offrirà agli operatori e al pubblico campano, partecipanti agli incontri di maggio 2016, un “focus sulla preparazione” e occasioni pratiche per curare il comportamento dello spettatore, dall’accesso alla sala fino alla 'ricezione' completa dello spettacolo.

Info: www.casadelcontemporaneo.it

Approfondimenti

Titolo
File
Dimensione
Programma Programma 67,00 kByte